Tensione superficiale.
Così si chiama il magico fenomeno che ogni tanto porta in natura allo spettacolare evento in cui le gocce d’acqua sembrano appese alle ragnatele, oppure sono elegantemente appoggiate sui fiori..

Stamattina scendendo di casa noto le goccioline d’acqua sparse un po’ ovunque sulla vegetazione.. quale occasione migliore per usare di nuovo un po’ l’obiettivo macro? parto allora a prendere la mia fida reflex con il 100mm macro, treppiede e scatto remoto.. e si comincia a fotografare..

Inizialmente mi soffermo sulle ragnatele, che sembrano dei collier carichi di perle.. è molto problematico fare foto a questo soggetto, perchè sono talmente leggere che basta una minima bava di vento per far muovere tutto e quindi ottenere soltanto una foto mossa.. tuttavia facendo tante tante foto, tra tutte qualcuna si salva e risulta ferma e nitida 🙂

Dopo questo passo ai fiori coperti di gocce.. in questo caso le foto sono molto più facili perchè essendo più pesanti è più difficile che si muovano.. anche se ogni tanto un piccolo venticello decide di farmeli muovere comunque!!

Infine noto su una rosa completamente coperta d’acqua una cavalletta.. anch’essa completamente coperta!! è difficile arrivarci perchè il tutto è circa a 2 metri d’altezza.. e il mio treppiede arriva solo a un metro e settanta da cosa ricordo.. ma rapidamente con mio papà metto sotto dei mattoni per rialzare e a quel punto riesco a fare una foto che, personalmente, ritengo splendida.. spero piaccia anche a voi.. non è facile trovare soggetti del genere!!

Vi lascio alle foto 😉

Stefano

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Iscriviti alla miaNewsletter!

Tranquillo, non è invadente, manderò solo 3 o 4 mail in un anno con aggiornamenti sui workshop e sui contenuti pubblicati!

Benvenuto nel gruppo!