Oggi vi illustrerò il mio studio casalingo!

Oddio “studio” è un po’ troppo.. però i risultati sono buoni quindi per me è sufficiente!

Il fondale e il pavimento sono costituiti da lunghi fogli di carta, che illuminati dai flash diventano di un bianco puro. I flash che illuminano il fondale sono posizionati in posizione verticale, questo per avere più bianco in verticale che in orizzontale. Ciò torna utile per le foto a figura intera, mentre invece per i mezzi busti e i primi piani non è fondamentale.

Per dare luce alla modella le possibilità sono varie, dall’ombrellino shot thru, all’ombrello riflettente al softbox. Personalmente per le figure intere preferisco gli ombrelli, mentre per i primi piani il softbox, perchè il riflesso rettangolare nell’occhio lo trovo molto più bello che quello tondo degli ombrelli. Inoltre il softbox non andrebbe bene per la figura intera perchè il suo raggio d’azione è più limitato.

Ultimamente si sono aggiunti al mio setup anche due riflettori di dimensioni generose:

  • il primo è un vecchio schermo che veniva usato per le diapositive. Il materiale è molto riflettente e in più ha anche una sua base che mi permette di tenerlo verticale.
  • il secondo è un riflettore autocostruito di dimensioni 1mx1m. Il materiale di cui è fatto l’ho preso al Briko e costa veramente poco, 2 euro e qualcosa al metro quadro.. a quel punto è stato sufficiente costruire un telaietto per tenerlo e voilà!

Mentre il primo riflettore può essere utile per illuminare un po’ il lato in ombra della modella, il secondo può essere utile se posizionato sotto il volto per i primi piani, in maniera tale da schiarire un po’ le ombre vicino al naso e sotto gli occhi.

Quindi alla fine il mio studietto si presenta così:

Altra cosa fondamentale che si può notare nella foto del mio studietto è la presenza di due casse a cui attaccare l’ipod. Forse è più importante questo di tante altre cose!! Avere la giusta musica aiuta un sacco in fase di scatto perchè la modella è più rilassata e può anche divertirsi a ballare 🙂

Tuttavia rimane la possibilità del fondo nero. Infatti il telo nero può scorrere e portarsi sopra i fogli bianchi (che per ora sono spiegazzati ma vedrò di metterne dei nuovi più lisci..) e quindi è ancora possibile realizzare le foto che avete visto negli episodi precedenti!

Il prossimo passo sarebbe quello di prendere un pavimento bianco riflettente. Qua si aprono due possibilità:

  • prendere delle lastre tipo di fòrmica.. sarebbe necessario almeno un 2mx2m.. ma il costo diventa molto alto dato che costano all’incirca 70 € una lastra 2mx1m
  • posizionare del plexiglass trasparente sulla carta bianca.. soluzione un pochino più economica (neanche tanto a dire la verità), che però ha l’inconveniente che il plexiglass si riga subito se qualcuno ci sale con le scarpe
  • se avete idee ditemele!!! io per ora non ho ancora trovato un buon materiale bianco lucido e che costi poco! se lo conoscete mandatemi una mail e vi ringrazierò per sempre!!

Detto ciò vi lascio ad alcune foto di Chiara (che avete già incontrato in un precedente episodio del blog insieme ad un’altra Chiara che ben conoscete!), con relativi backstage. Inoltre per la felicità delle donne metto anche una mia foto (pesantemente postprodotta.. non ho tutti quei capelli bianchi!!) su fondale bianco! sia mai che qualcuno apprezza… hihihi

Alla prossima!!

Stefano

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Iscriviti alla miaNewsletter!

Tranquillo, non è invadente, manderò solo 3 o 4 mail in un anno con aggiornamenti sui workshop e sui contenuti pubblicati!

Benvenuto nel gruppo!