Ciao ragazzi!

Sono quasi finite le vacanze (almeno per me) e il blog non è più stato aggiornato, perchè ero sempre in spiaggia a prendere il sole.. ma ora che son tornato voglio subito ripartire con una nuova saga! Come ho iniziato il ballerina project con Giada, così oggi inizio il color project con Chiara!!

Cos’è il color project?

Il color project è un progetto in itinere.. cioè si aggiornerà pian piano, come il ballerina project.. ad ogni episodio mi concentrerò su un colore, quindi non aspettatevi un set con una serie infinita di foto.. ma per ogni episodio il risultato sarà una singola foto, incentrata su un singolo colore.. che oggi è il blu!

Qual è l’idea per questa prima foto del color project?

Blu.. non so a voi, ma a me fondamentalmente questo colore evoca l’acqua.. da qui l’idea di fare la foto lungo un fiume.. con Chiara ovviamente vestita di blu.. tuttavia come ben sapete per quanto l’acqua ci evochi il blu, non è così nella realtà, e il paesaggio intorno di solito è verde grazie alle piante circostanti.. ma se si sa cosa si fa, è possibile ottenere un blu prepotente già in fase di scatto senza andare a scomodare photoshop!

Vogliamo i dettagli tecnici!

Per ottenere il blu già in fase di scatto quando vi trovate all’esterno è sufficiente lavorare sul bilanciamento del bianco, e posizionarlo su tungsteno. Il mondo virerà magicamente verso il blu, restituendo cieli di un blu intenso, e paesaggi dalle tonalità azzurrine che fanno molto mondo fantastico..

Tuttavia se avete un soggetto umano nella foto, ovviamente virerà anch’esso verso il blu, con il risultato che sembrerà un puffo.. ma come risolveremo questo problema? con un flash ovviamente! il flash dovrà essere gellato CTO (color to orange), in maniera tale da scaldare la tonalità blu della pelle e riportarla al suo colore naturale!

Qui di seguito trovate una foto di backstage che mostra il sottoscritto con il treppiede per tenere la macchina fotografica ferma, dato che i tempi di esposizione erano dell’ordine di 1/15, e il mio soggetto che gentilmente si presta alle foto di prova.. 🙂

Come sempre per questi scatti mi viene in aiuto mia cugina Chiara, detta La Muwa, che mi ha dato una grossa mano e per un po’ ha anche agito da VAL (voice activated lightstand).. vi assicuro che è molto comodo non dover correre avanti e indietro per regolare potenza e parabola del flash ma farlo fare a una persona che vi aiuta e ve lo punta direttamente variando la posizione quando glielo chiedete.. grazie mille muwa! ^_^

Ed eccovi infine il risultato di tutte le nostre fatiche.. spero vi piaccia e aspetto commenti!

Ancora un grazie enorme a Chiara, che si presta sempre da modella per questi miei esperimenti 🙂

Al prossimo colore!

Stefano

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Iscriviti alla miaNewsletter!

Tranquillo, non è invadente, manderò solo 3 o 4 mail in un anno con aggiornamenti sui workshop e sui contenuti pubblicati!

Benvenuto nel gruppo!