Cosa leggo?

Ecco cosa hai scelto di approfondire!
  • Contenuti
  • Leggibilità
  • Livello (base/avanzato)
  • Valutazione complessiva

Numero pagine

Prezzo (€)

Recensione

Il colore: gestione e correzione, di Marco Olivotto, è un libro che veramente non può mancare nella libreria di nessun fotografo. Non sto scherzando, non può e non deve mancare!

La gestione del colore è una di quegli argomenti intorno ai quali girano tanti miti, leggende metropolitane, nonché certezze granitiche: si fa così perché l’ha detto taldeitali, non so perché, ma se fai in un altra maniera sicuramente è peggio.

Marco Olivotto, amico di penna (nel senso che non ci siamo mai incontrati dal vivo, ma ci scriviamo ogni tanto), è una persona estremamente preparata e logica nell’esposizione degli argomenti, e questo ovviamente si riflette in questo libro. I temi sono spiegati sempre in maniera semplice, con esempi alla portata di tutti, anche quando la difficoltà tecnica è elevata.

Il testo è diviso in due parti: una dedicata alla gestione del colore e una alla correzione del colore.

Nella parte dedicata alla gestione del colore si affrontano argomenti un po’ più tecnici, quali la calibrazione del monitor, i profili colore (ce ne sono più di uno da gestire in una corretta catena del colore, e bisogna quindi capirli tutti appieno per non incorrere in problemi), gli spazi colore e i metodi colore (RGB è solo il più famoso, ma non è l’unico). Per la persona che vuole arrivare subito al sodo forse questa prima parte (che occupa circa un terzo del libro) potrebbe risultare un po’ più noiosa, ma vi assicuro che Marco è riuscito a condensare in veramente poche pagine tantissimi concetti che non sempre sono chiari nella testa di chi fotografa. Se per esempio vi siete posti il problema: quale spazio colore è il migliore tra sRGB, Adobe RGB e ProPhoto RGB? Su internet avrete trovato una risposta, ma questo testo vi permette di comprenderli e darvi voi stessi una risposta!

Nella seconda parte si parla di correzione del colore, che non va confusa con un ricettario di impostazioni di Lightroom o Photoshop per dare la colorazione teal&orange o altri color grading famosi. La correzione del colore è (cito testualmente) una disciplina precisa, basata su numeri e interventi mirati a correggere quei numeri. Ci sono sì delle “ricette” su come eliminare dominanti di colore, rumore di crominanza etc, ma non sono date dall’alto come da tanti altri autori. Dietro ad ognuna c’è un ragionamento, lungo il quale il lettore viene portato per mano, così che se ne capisca il perché e, quindi, sia anche più facile ricordarsela. Questo argomento occupa due terzi del libro, e vi assicuro che cambierà il vostro modo di analizzare e conseguentemente correggere un’immagine.

In conclusione: Il colore: gestione e correzione, di Marco Olivotto, è un testo veramente ben scritto, perché condensa in circa 150 pagine tantissime conoscenze che, se apprese da internet, richiederebbero settimane intere di ricerche. E ve lo dice uno che prima di conoscere Marco credeva ancora in tanti dei falsi miti che si leggono online. Il testo presenta solo due aspetti negativi: il primo è dovuto all’editore, che a mio parere ha impaginato alcune fotografie troppo piccole, con il risultato che si fa fatica ad apprezzare alcuni dettagli che vengono riportati nel testo; il secondo è che dopo aver letto un libro così ci rimani male perché, volente o nolente, il testo ha solo 150 pagine, quindi, visto come l’argomento è ben spiegato, ti viene voglia di saperne di più. Ma sono sicuro che prima o poi Marco scriverà un secondo testo molto più ampio su questo argomento, oppure uscirà con un “Il colore: gestione e correzione 2, per chi ha fame di sapere”. E io sarò lì per comprarlo al day 1 (come questo del resto).

Iscriviti alla miaNewsletter!

Così rimarrai aggiornato sui workshop in arrivo e sui contenuti pubblicati!

Cosa ti interessa maggiormente?

Benvenuto nel gruppo!

Pin It on Pinterest