Cosa compro?

Ecco alcuni consigli sui migliori acquisti per entrare nel mondo lampista! Scopri i flash, i trigger ed i softbox più adatti alle tue esigenze!

Ecco a voi alcuni suggerimenti sull’attrezzatura che può essere utile per iniziare nel mondo lampista.
Ci tengo a sottolineare che io non guadagno nulla a consigliare un oggetto piuttosto che un altro, così come a consigliare un certo venditore o un altro. Inoltre, voglio precisare che quelli riportati qui sotto sono consigli, pertanto non mi assumo alcuna responsabilità su eventuali acquisti errati o problemi con i venditori.

Dove acquistare: ecco il podio!

Negoziante

Se conoscete un negoziante delle vostre parti che vende materiale fotografico, prendetelo da lui! Quasi sempre si spende di più, però andando in un negozio fisico potete provare prima il materiale e farvi consigliare dal personale che ha sicuramente più esperienza! Se, invece, sapete già su cosa puntare e volete risparmiare un po’, i siti da me consigliati sono indicati qui a lato.

Amazon

Assolutamente affidabile, se si approfitta delle offerte i prezzi possono essere veramente buoni! In più potete approfittare della possibilità di ricevere gli ordini in tempi brevissimi iscrivendovi ad Amazon Prime: l’iscrizione al Prime porta a tanti vantaggi (spedizioni rapide e gratuite, spazio infinito nel cloud anche per i RAW) e costa sui 20 euro/anno, ma il primo mese è gratuito, quindi se dovete fare un ordine il mio consiglio è di provarlo, almeno vi arriva subito! Poi al massimo finito il mese non rinnovate e finisce lì!

Ebay

Il negozio online per eccellenza, purtroppo si può incorrere in fregature come in grandi affari. Spesso tuttavia è sufficiente vedere i feedback del venditore, e se sono tutti positivi si va abbastanza tranquilli (mi raccomando leggete anche i commenti ai feedback, perché spesso la gente lascia feedback positivo per non prendersi il negativo di risposta, ma nel commento magari critica molto il venditore!)

Il set per iniziare nel mondo lampista a 150 €

Dal momento che non tutti hanno la disponibilità economica per acquistare molta attrezzatura, ecco a voi un articolo che riassume quali sono gli oggetti fondamentali per un lampista e come fare a spendere il minimo, ottenendo comunque grandissimi risultati (come la foto riportata a lato)! Trovate l’articolo a questo link!

I flash

Per quanto riguarda i flash è difficile consigliare come si deve. Per prima cosa bisogna capire bene cosa si vuole fare, ovvero usare unicamente i flash con i trigger radio oppure utilizzare tecniche più avanzate che prevedono l’utilizzo del sistema wireless proprietario (oppure utilizzare i nuovi trigger radio E-TTL).

g

Flash manuali

Nel primo caso qualsiasi flash su cui sia possibile regolare la potenza unicamente in manuale e che non abbia meccanismi avanzati con l’E-TTL andrà benissimo. Tra questi troviamo gli YongNuo YN560, YN-560II, YN-460, YN-460II, oppure qualsiasi flash vecchio di seconda mano come i Nikon sb-28 ed sb-24. E’ ora disponibile anche il nuovo modello della YongNuo, il YN-560 III, che è identico in tutto al modello II, però ha integrato in sè un trigger radio RF-602/RF-603. Quindi se avete già uno di questi trigger vi consiglio assolutamente il YN-560 III così evitate la spesa di un trigger per quel flash!

Flash comandati da macchina

Nel secondo caso ovviamente la prima scelta è quella dei flash della casa produttrice, quindi se siete in Canon il 600ex RT, il 580exII (non più in produzione),il 430ex RT, il 430EX II, se siete in Nikon l’Sb-600, l’SB-700, l’Sb-900 e l’SB-910. Una valida alternativa possono essere i flash di marche terze, che ormai funzionano bene anche con i sistemi proprietari e vi permettono di risparmiare un po’, oppure allo stesso prezzo di un flash di casa Canon o Nikon vi permettono di avere un flash più potente. Il lato negativo? Beh ovviamente non sono come gli originali, potrebbero essere meno solidi e dare problemi con le macchine fotografiche future (anche se ora molti integrano la presa USB per poter effetturare gli aggiornamenti ai nuovi corpi macchina, tuttavia gli aggiornamenti non sempre sono immediati e quindi per un po’ potreste ritrovarvi a non poter usare il vostro flash perchè avete una macchina troppo moderna, problema che con i flash originali ovviamente non compare mai). Tra questi possiamo annoverare i YongNuo YN-685 (veramente un grande flash per il prezzo che ha! trovate la mia VideoRecensione qui!), il YN-568EXII (in poche parole è un Canon 580EXII, infatti funziona anche in high sync e può funzionare da master), i Nissin Di 866 Mk II Canon e Di 866 Mk II Nikon, i Di622 Mk II Canon e Di622 Mk II Nikon, i Metz Mecablitz 58-af2, 50 AF-1 Canon e 50 AF-1 Nikon, 44 AF-1 Canon e 44 AF-1 Nikon (e molti altri ovviamente, un elenco completo è praticamente impossibile, vi consiglio se scegliete un marchio di guardare l’elenco di tutte le loro proposte in maniera tale da essere aggiornati sui nuovi elementi!)

I trigger

Per quanto riguarda i trigger radio, le scelte possono essere molto diverse: si può spendere all’incirca 20 euro per una ricetrasmittente o si può arrivare a cifre che raggiungono i 200-300 euro!

Più professionali

Nel mondo professionale esiste un solo tipo di trigger, che si chiama PocketWizard. I PocketWizard sono estremamente affidabili e duri come rocce, ed è per questo che la maggiorparte dei professionisti usa solamente questi. Si va da quelli che trasmettono unicamente il segnale di scatto (e vanno usati pertanto con unità flash manuali), come i Plus II, Multimax e i recenti Plus III, a quelli che invece sono in grado di sfruttare la tecnologia TTL (sia per Canon che per Nikon), ovvero i MiniTT1 Canon e MiniTT1 Nikon , e i Flex TT5 Canon. Se avete soldi da spendere e volete qualcosa che sia sempre affidabile, i PocketWizard saranno la vostra scelta!

Più economici

Esistono per fortuna anche dei trigger a costi molto inferiori, e che ultimamente sono diventati anch’essi molto affidabili! Anche qui la scelta si divide tra quelli che hanno unicamente la funzione di scatto remoto e quelli che invece trasmettono il segnale TTL.

Trigger che trasmettono unicamente il segnale di scatto

Sono poco costosi!! spesso costano dai 20 ai 50 euro l’uno! Tra questi troviamo gli YongNuo RF-603 Canon e RF-603 Nikon (che a quanto si legge su internet sono ottimi, poco costosi ed estremamente affidabili), i Cactus V5 (stesso discorso degli YongNuo, solo leggermente più costosi), i Phottix Atlas (che sono delle copie dei PocketWizard Plus II).

Trigger in grado di trasmettere il segnale TTL

Con questi è possibile variare la potenza del flash a distanza e inoltre sono in grado di valutare da soli quanta potenza del flash è necessaria tramite le tecnologie TTL di Canon e di Nikon. Questi trigger ovviamente costano molto di più, anche se sempre meno dei corrispettivi PocketWizard. Tra questi troviamo i Pixel King, gli YongNuo YN-622 e i Phottix Odin Canon e Odin Nikon.

Swivel e treppiedi

Ci va un sostegno per i vostri flash! E per far questo avrete bisogno sia di uno stativo, sia di uno swivel, ovvero quella sezione che si aggancia sopra lo stativo e che serve per sostenere ed inclinare il flash ed all’occorrenza anche l’ombrellino! Oltre a quelli citati, ovviamente esistono anche altri marchi, che andranno anche egualmente bene, ma che non ho riportato perché non li conosco.

Scelta consigliata

Per chi può spendere la scelta migliore è restare in ambito Manfrotto, in cui si va dallo 012B al 1004BAC per gli stativi, e si ha l’ottimo 026 come swivel.

Buon compromesso qualità/prezzo

Esistono anche quelli della Phottix, che vanno bene anche se potrebbero essere migliorati nella parte a terra dove i tre piedini stanno un po’ troppo stretti e quindi sono meno stabile. Come swivel consiglio i Dynasun M11 (che sono la copia del Manfrotto 026). Sconsiglio invece molti sviwel di plastica che si trovano in giro.. purtroppo quelli durano veramente poco. Lo swivel a mio parere deve essere di ferro, così si fa la spesa una volta sola.

Più economici

Ovviamente in Cina non stanno fermi a guardare Manfrotto, e copiano anche loro i vari attrezzi. Una buona alternativa per quanto riguarda gli stativi sono i Delamax, che costano poco e fanno il loro dovere.

Ombrellini, softbox e riflettori

Come modificare la luce secondo le nostre esigenze? Ecco gli strumenti necessari!

Ombrellini

Vi consiglio di non prendere ombrellini unicamente bianchi o unicamente riflettenti, in quanto ormai quasi tutte le case produttrici producono i cosiddetti 2 in 1, cioè ombrellini bianchi (anche detti pass through) con una copertura argentata, che all’occorrenza li può trasformare in riflettenti. In questo campo domina (se uno ha dei soldi da spendere) la Lastolite, che propone il LL LU4537, ma per un ombrellino sinceramente penso che anche quelli cinesi della DynaSun (che possiedo e posso dire che va benissimo!! se lo ordinate da Amazon vi arriva in due giorni e costa molto poco) e della Phottix o di altri marchi vadano ugualmente bene. Per quanto concerne i diametri, direi che da 90 cm in su vanno bene tutti, più piccoli li eviterei. Eviterei inoltre di andare oltre la dimensione di 120 cm perché difficilmente uno speedlite riesce a coprire tale raggio.

Riflettori

Vi consiglio di prendere gli 8 in 1 (ovvero riflettori dorati, argentati, bianchi etc, con tutte copertine da cambiare sul riflettore). Anche qui se uno vuole il meglio si deve affidare a Lastolite, che propone sia un semplice riflettore circolare dorato/argentato, sia il più avanzato TriFlip 8:1, che personalmente possiedo e trovo veramente eccezionale, in quanto offre molti tipi di superficie riflettente e può essere usato anche come “ombrellino” pass through che toglie 2 stop. Altrimenti le copie cinesi di riflettori (ne esistono tantissime in commercio, come quelli 5 in 1 proposti su Amazon a prezzo veramente ridicolo), vanno anche bene, soprattutto per quelli circolari.

Softbox

I softbox per flash speedlite purtroppo non possono essere grandi come quelli che si usano con i flash da studio, perchè il raggio di copertura è molto inferiore e si rischierebbe quindi di non coprire sufficientemente bene con la luce gli estremi del softbox. Lo standard dei professionisti si chiama Lastolite Ezybox Hotshoe, che è un softbox pieghevole (quindi lo potete portare in giro!) con una qualità di luce veramente notevole. Tuttavia essendo Lastolite ovviamente costa caro. Una valida alternativa è la copia Delamax, proposta su Amazon, di cui vi consiglio la versione 60×60! Se no c’è la versione Phottix in varie dimensioni. Una catchlight più simile a quella dell’ombrellino è data dall’Octabox, disponibile nella versione cinese (più economica) completa di griglia e che utilizzo anche io, in una versione con un attacco più pratico della Mettle e nella versione professionale della Westcott.

Accessori

Tutto ciò che ti serve per completare la tua attrezzatura!

Fondali e portafondali

In realtà, un fai da te è molto utile in questo caso: basta prendere un telo nero e appenderlo al muro in qualche maniera per creare un fondale nero, oppure potete comprare prodotti appositi, ad esempio quello proposto da Amazon(non so come siano perché non li ho, ma sicuramente sono migliori di quello proposto da prezziunici.it, che un mio collega ha provato a comprare, e non regge nemmeno il peso del fondale. Non garantisco per quello proposto da Amazon perché non l’ho mai provato). Se volete il fondale bianco potete anche in questo caso arrangiarvi con della carta da plotter in rotolo (come ho fatto io, affiancando vari pezzi di carta e unendoli con lo scotch) oppure comprare roba più professionale. Ricordate, sia che prendiate un telo sia che prendiate della carta, il fondale bianco purtroppo costa parecchio! (su Amazon).

Gel

Molto utili a mio avviso sono i GEL colorati. Potete comprare un set di gel appositi per i flash speedlite, in particolare quelli proposti dalla Rogue hanno praticamente tutti i colori che possono servire! (con una piccola spesa avete un set di gel che è perfetto per ogni applicazione sono molto più comodi da montare).

Batterie e caricabatterie

Quasi tutti i fotografi di questo mondo consigliano per i flash le batterieEneloop di Sanyo. Queste, infatti, tengono la carica anche se lasciate in attesa per lungo tempo, che è una caratteristica molto importante per noi lampisti, ed inoltre sono garantite per un numero notevole di cicli di ricarica! Se siete interessati ad un carica-batterie fatto bene (non i classici da 5 euro che trovate nei supermercati), vi consiglio il TechnoLine BC700, di cui trovate una recensione dettagliata sul mio blog.

Postproduzione

Qualche utile strumento per migliorare le foto scattate!

Colorchecker

Avete presente quelle situazioni in cui dobbiamo fare foto ad un ricevimento e ci sono mille tipi di luce diversa? Qualche lampada a incandescenza, qualche lampada a Led, magari un neon e pure un po’ di luce solare che penetra da fuori.. Beh in quelle situazioni c’è sempre qualche dominante che poi non si riesce mai a togliere, se non con un lavoro lungo e tedioso.. Il ColorChecker Passport può letteralmente salvarvi in quelle situazioni! Infatti una sola foto fatta a questo piccolo oggettino farà sì che possiate creare un profilo colore una volta giunti al vostro computer e togliere le fastidiose dominanti! Trovate una videorecensione a questa pagina. Il Passport ha il pregio di essere veramente piccolo e portatile, però se avete a disposizione spazi di dimensioni maggiore potete prendere il ColorChecker Classic, che grazie alle sue dimensioni più generose sarà molto più facile da fotografare!

Sonda di calibrazione

Spendiamo capitali in reflex, obiettivi, flash etc, e poi magari postproduciamo male perché abbiamo i colori dello schermo non calibrati? Magari ai nostri occhi una foto è perfetta, poi la vediamo su un altro schermo o stampata e ci fa pena.. L’unica soluzione per questo è calibrare il proprio schermo, così che i colori che vediamo siano veri. A quel punto chiunque avrà uno schermo calibrato vedrà i nostri stessi colori, e chi ci troverà da dire per i colori beh, sarà perché ha lo schermo non calibrato, quindi è lui dalla parte del torto! Io ho comprato la X-Rite Colormunki Display, una sonda che non costa esageratamente e funziona benone (trovate una recensione qui). Tuttavia, se avete un po’ più disponibilità economica vi consiglio assolutamente la X-Rite i1 Display PRO, che è decisamente migliore (al tempo in cui comprai la ColorMunki la differenza di prezzo era importante, ma oggi che la differenza è solo di 30 euro, io comprerei assolutamente la i1 Display PRO).

Tavoletta grafica

Se volete postprodurre seriamente una tavoletta grafica non è un’opzione, è una necessità! Non abbiate paura di questo strumento, perché dopo averci convissuto per pochi giorni la amerete e non potrete più farne a meno, e vi chiederete come avete fatto sino ad oggi a usare Photoshop senza tavoletta. La marca più conosciuta per le tavolette grafiche è ovviamente la Wacom. Io attualmente possiedo una Wacom Intuos 4Small e devo dire che va ancora benissimo nonostante sia stata sostituita dalla più nuova e performante Wacom Intuos Pro Small. Trovo che per postprodurre la versione Small sia più che sufficiente, ma se qualcuno vuole avere più spazio di manovra, e magari vuole anche disegnarci, la versione Medium è sicuramente meglio.

Stampa

Dove stampare le nostre foto e i nostri album!

saal-digital

Se volete realizzare stampe su carta fotografica o stampe fine-art o fotolibri, il mio consiglio è quello di affidarsi a Saal-Digital. Questa azienda lavora veramente bene, in maniera professionale e con consegne rapidissime. Per di più i prezzi sono veramente buoni per la qualità che presentano (ve lo posso assicurare perché da loro ho già ordinato fotolibri e stampe fine-art, di cui sono rimasto veramente soddisfatto, sia per qualità della carta sia per i colori della stampa).
Saal Digital permette tra l’altro di scaricare i profili ICC di stampa, quindi per chi li sa usare si sa veramente che tipo di stampa si otterrà!
Vi segnalo inoltre che, vista la qualità elevata, ho iniziato con Saal una collaborazione, e questo ha portato a far sì che possiate approfittare di uno sconto del valore di 20 € su un ordine minimo di 40 € (un bel 50%!), su qualsiasi prodotto ordiniate (quindi fotolibri, stampe, prodotti fotografici etc). Per ottenere tale sconto è sufficiente inserire il codice TEALDI16SAAL al momento dell’ordine!

Per atmosfere particolari

Un accessorio molto utile in studio è la macchina del fumo, che vi permette di generare nuvole di fumo a comando e realizzare scatti insoliti! La realizzazione della foto a lato è descritta in questo articolo del blog, guarda il video!

FotoRegali personalizzati con Foto

Stampa di tessuti

Idee regalo e vasta gamma di prodotti stampabili

Per la stampa di oggetti con le proprie foto, cosiglio Fotoregali.com, un sito serio con personale in gamba che stampa su qualsiasi tipo di tessuto.
Acquistando una stampa su tela, ho scoperto che il loro è un vero servizio artigianale: l’azienda si compone, infatti, di una falegnameria e di una sartoria che confeziona cuscini, coperte.. insomma vero Made in Italy 🙂

Iscriviti alla miaNewsletter!

Tranquillo, non è invadente, manderò solo 3 o 4 mail in un anno con aggiornamenti sui workshop e sui contenuti pubblicati!

Benvenuto nel gruppo!

Pin It on Pinterest

Shares
Share This