Cosa leggo?

Ecco cosa hai scelto di approfondire!
  • Contenuti
  • Leggibilità
  • Livello (base/avanzato)
  • Valutazione complessiva

Numero pagine

Prezzo (€)

Recensione

Wedding Storyteller Volume two di Roberto Valenzuela è la naturale prosecuzione del Volume one. A differenza del primo volume, dove Valenzuela illustra nel dettaglio il suo metodo per fotografare i matrimoni (su alcune cose si può non essere d’accordo, ma in generale io ho trovato tantissimi riferimenti utili), in questo testo vengono presentati molti esempi, pertanto in soldoni c’è meno parte scritta e ci sono molte più foto.

Dopo un primo capitolo dedicato a come l’autore si prepara per i matrimoni (ad esempio facendo un check dell’attrezzatura, vedendo se c’è sporco sul sensore etc), Valenzuela entra subito nel vivo facendo vedere esempi di applicazione del suo metodo. Chiaramente vengono ripercorsi i punti che erano illustrati nel volume uno, ma molto più rapidamente, per dare enfasi alle foto in cui ha messo in pratica tale metodo. Si percorre tutto il matrimonio, dalla preparazione dello sposo e della sposa, in cui per raccontare una storia (da qui storyteller del titolo) bisogna cercare di coprire più stili, dal fotogiornalistico al ritratto posato, ai ritratti degli invitati, alla cerimonia vera e propria (su questo devo dire che in Italia la situazione è un po’ diversa rispetto a quanto descrive lui, che vive la situazione americana dove il grosso dei matrimoni sono all’aperto), alle foto degli sposi da soli, per finire con le danze. Sulla parte relativa alle danze tra l’altro spiega anche come sistemare dei flash per ottenere quel classico stile tipo night club che va molto di moda ultimamente.

In generale è un libro interessante, come tutti quelli di Valenzuela, però senza aver letto il primo volume diventa difficile seguirlo, perché riporta tantissimi esempi ma, giustamente, non scende troppo nel dettaglio del metodo. Pertanto, in conclusione, Wedding Storyteller Volume two è un libro che, se si è letto il primo volume, bisogna avere, per poter chiudere il cerchio. Come ho scritto già più volte, è un libro di esempi, ma come ben sappiamo tutti, spesso gli esempi chiariscono più il concetto di un trattato. Come sempre, l’inglese è di alto livello, perfettamente comprensibile.

Iscriviti alla miaNewsletter!

Così rimarrai aggiornato sui workshop in arrivo e sui contenuti pubblicati!

Cosa ti interessa maggiormente?

Benvenuto nel gruppo!

Pin It on Pinterest